Tu sei qui: Home / Pagine dei Soci / IU4FIT / Report delle mie nuove antenne

Report delle mie nuove antenne

lavori eseguiti per l'istallazione delle nuove antenne

 

L'ispirazione ad ampliare il mio parco antenne in modo serio è iniziato guardando la planimetria del mio stabile. Quadrato, quasi 20m per lato, tetto spiovente, sottotetto condominiale, possibilità di posizionare i controventi a 120° come da manuale, spazio sufficiente per calare i cavi in modo discreto. Tutto sembrava soddisfare le condizioni per iniziare questi lavori.

planimetria

Adesso bisogna spiegare la foto qui sotto: era il 21 Novembre, dopo mesi che si parlava con Riccardo (IZ4REF) della sua Ultrabeam, che aveva smontato dal suo vecchio QTH, ci accordammo e l'andai a ritirare... La sua faccia esprime perfettamente la gioia che provava nel consegnarmela, ma era solo dovuto alle soddisfazioni avute da questa antenna.

Ritiro Ultrabeam

Per chi non la conoscesse, sotto ci sono le foto e questo è il link: 3 elements yagi 6-20 meters

ultrabeam 1

Portata a casa la Ultrabeam ho pensato per prima cosa al cavo da usare per la nuova calata, la scelta è stata abbastanza facile: CELLFLEX da 1/2". Per molti ho esagerato, alcuni concordavano, ma una distanza di 50m era tanta.

Adesso bisogna pensare ad un buon commutatore d'antenna, è impensabile porte scendere con 4 cellflex da 1/2" quindi ho cominciato a chiedere ausilio. Le foto sotto rappresentano l'eccellente lavoro svolto da IZ4NIC nella realizzazione del commutatore che gli ho commissionato.

commutatore 2

commutatore 3 commutatore 4 commutatore 5

controller fronte controller retro

Ordinato, pagato e arrivato anche la cosa più importante del sistema: il traliccio, base, carrello, master e kit controventi;

pacco traliccio traliccio

per la controventatura su consiglio di IZ4AMS ho usato il baico da 5mm, i kit di minuteria inox presi da pro.sis.tel e per ancorarli ho usato delle barre filettate M16 passante nel muro e bloccati da rondelloni.

baico attacchi controventi

Ovviamente qualche contrattempo doveva arrivare. La ultrabeam nasce con piastra e cavallotti per essere attaccata ad un master diametro 50, ma poichè io non mi accontento, ho preso un master da 60 e mi son trovato con i cavallotti piccoli. per risolvere il contrattempo in modo pulito, ho commissionato una piastra maggiorata in alluminio e cavallotti da 60 in inox.

piastra ultrabeam piastra su ultrabeam

La piastra originale ovviamente è stata recuperata per dar maggior resistenza al dipolo rotativo per i 40 metri

piastra dipolo piastra dipolo retro

messo apposto anche il dipolo rotativo si è assemblata la YAGI per i 2m/70cm e la Diamond X30 che andrà a fare da cappelletto al master.

yagi 2m/70cm

facendo discese con il Cellflex, in casa ho dovuto per forza usare dei raccordi per arrivare alle radio. Per questo ho usato del cavo RG213 di due metri innestasto dal lato giunzione Cellflex un N femmina e dal lato radio un PL. Per le VHF/UHF invece ho usato un cavo RG142, anche esso di due metri, innestato al lato giunzione un N e dal lato radio un PL. Nella foto sotto si vede anche un deviatore di antenna con ingressi e uscite N, questo serve per commutare la Yagi (collegata al cavo cellflex) con la diamond X30 (collegata con il vecchio cavo che avevo sotto la HOXIN, i 48m di RG8mini)

Dovendo lasciare sul tetto il commutatore delle antenne HF e fare delle giunture di cavi (antenna VHF/UHF, cavo comando commutatore, cavo rotore) mi son procurato un piccolo armadio da impianti elettrici stagno

armadio chiuso

La prima cosa da provare è che il commutatore alloggi comodamente dell'armadio.

armadio

Prima di portare tutto sul tetto ho eseguito un po di prove per valutare la posizione corretta delle antenne sul master

Master 1 master  2 master 3

Dopo le misurazioni varie, ho fatto il test alla ultrabeam per essere sicuro di non avere sorprese sul tetto, test perfetto.

ultrabeam 1 ultrabeam 3 ultrabeam 4

fatta la scorta di tasselli e tutta la varia attrezzatura inizia il trasferimento del materiale occorrente nel sottotetto, così da averlo pronto al momento dell'istallazione.

tasselli

Il primo pezzo da portare su è la base del traliccio

base master

inutile postare foto di tutto il materiale, lascio immaginare la fatica per portare su il traliccio e il master. Ben cinque viaggi di otto piani. Quindi passiamo alla fase di istallazione...

06 Agosto 2016

tetto

Primo lavoro da fare è il buco per calare la base del traliccio

buco 1 buco 2

come si può notare, ho dovuto impegnarmi molto più di quanto credevo, ho trovato ben quaranta centimetri di cemento armato. Questo inconveniente mi ha fatto perdere una giornata.

base nel tetto sopra base sotto

fatto questo si è passato alla messa in livello della base, senza minima fatica si è ottenuto un ottimo risultato.

piombo 1 piombo 2

Messo a piombo il sistema si può zancare. Purtroppo non avendo potuto usare le zanche inviate da pro.sis.stel perchè abbiamo avuto un problema con il foro nel tetto abbiamo provveduto con delle home made

zanche 20160810_125931.jpg

A questo punto si sono portati gli elementi del traliccio ed il carrello sul tetto, assemblati e lasciati a riposare per farlo ambientare nella sua nuova casa...

traliccio orizzontale

Con l'ausilio di un paranco da officina tirar su il traliccio e metterlo in verticale è risultata una cosa semplicissima. Tanto da avere tempo di tirare su anche il master con le prime due antenne

traliccio verticale master su traliccio

prima di scandere e finire la giornata, è stato issato il carrello a metà e messo tutto in sicurezza

antenne su

con un attimo di riflessione, ho eseguito le connessioni al cavo della Diamond X30 per provare ad andare subito in aria. Risultato immediatamente sconvolgente: in UHF copllegamento con Venezia rapportato 5-3. Per continuare il lavoro abbiamo dovuto assicurarci anche gli appigli per i controventi,

fissaffio controventi

anche il lavoro di impermeabilizzazione è stato eseguito a regola d'arte.

impermeabilizzazione impermeabilizzazione 2

Passo successivo l' innalzamento del dipolo rotativo ed ultrabeam

dipolo Panoramica antenne

il grosso è fatto, tagliato il baico, si è provveduto a mettere in tiro i controventi con gli appositi kit

tirantato

Ora bisogna pensare ai cavi, fissaggio armadio e connessioni

cavi 1cavi 2

armadio 1

connessioni 1 connessioni 2 connessioni 3 connessioni 4

come ultima cosa tirato su il dipolo a V invertita per i 40 e 80m

completo

cavi 3

Panoramica tetto

palazzo

quartiere

 

Home

Azioni sul documento